Quando si parla d’ amore, sfortunatamente, spesso e volentieri oramai si parla più di paure e di errori che vengono commessi che di felicità ed il bello è che, quando arriviamo a questi discorsi, spesso parliamo degli errori sbagliati.

Potresti esserti ritrovato a pensare che hai sbagliato a mostrare un determinato aspetto del tuo carattere, che dovevi adeguarti di più alla persona che avevi accanto o che il tuo errore sia stato di dare “troppa importanza” al tuo partner… ma questi non sono errori anzi, sono tutte cose che dovresti fare se stai cercando l’anima gemella.

Solo poche volte, se non nessuna, hai pensato ad uno degli errori più gravi che si possa fare in amore: dare peso a quello che pensano e dicono gli altri.

Ed è di questo che parliamo oggi.

Pronto?

3… 2… 1… via! 😀

QUELLO CHE PER GLI AMICI VA BENE, VA BENE PER LORO, NON NECESSARIAMENTE PER TE

Il concetto è semplice ma sfortunatamente non si tiene a mente: tu sei tu non qualcun altro.

Hai i tuoi gusti e le tue priorità e sono diverse da quelle di qualcun altro.

Soprattutto la persona che va bene per qualcun altro non va bene per te.

Quando gli amici si mettono in mezzo criticando le tue scelte amorose, facendo osservazioni riguardo al fatto che “secondo me non è la persona giusta”, dovresti fartele entrare da un orecchio ed uscire dall’altro perché stanno cercando quasi sempre di farti scegliere qualcuno di adatto a loro e non necessariamente adatto a te.

Si dice spesso che gli amici sono per sempre, quindi è necessario dargli la priorità sull’ amore ma non è così: gli amici vanno e vengono, le relazioni basate sull’ attrazione vanno e vengono ma l’amore, quello vero, se c’è dura ed è più importante del resto.

Se senti dire che l’ amore non è eterno… beh dai per scontato che non stiamo parlando di vero amore ma di quello che per amore viene solo confuso.

Il mondo sfortunatamente è stracolmo di storie che sono finite perché non si è dato ascolto ai consigli degli amici esattamente come è pieno di storie che sono finite proprio perché si è dato ascolto agli amici solo che queste ultime vengono spesso dimenticate con un “dai coraggio, si vede che non doveva andare, ci ha solo perso” detto proprio da chi con le sue interferenze ha fatto finire tutto.

E’ molto meglio ragionare con la propria testa, sempre, che non lasciare che siano gli altri a condizionare le nostre scelte, a prescindere dalle conseguenze.

E tanto per finire con una piccola citazione biblica: “Quello dunque che Iddio ha congiunto, l’Uomo non separi” (Matteo 19:6), significherà qualcosa?

Ricordiamo poi che, sopratutto al giorno d’oggi, molti “amici” in realtà altro non sono che conoscenti invidiosi che non vedono l’ora di farti sentire miserabile per poter essere loro a sentirsi superiori a te.

I GENITORI DEVONO STARE LONTANI DALL’ AMORE DEI FIGLI

Non è la persona giusta, non ha un lavoro stabile, non è abbastanza affettuosa, mio figlio/mia figlia merita molto di più.

Sono alcuni dei pensieri che spesso guidano i genitori a rovinare le relazioni dei propri figli.

In passato erano addirittura i genitori a decidere chi i figli dovevano sposare tramite l’organizzazione di matrimoni combinati e, seppur vero che spesso queste unioni duravano molto a lungo, è anche vero che duravano così tanto più perché era obbligatorio che fosse così, non perché erano felici.

Le scelte che riguardano la coppia devono essere della coppia.

La vita della coppia deve essere della coppia.

Una delle cose più sbagliate che si possa fare è proprio quella di permettere ad un genitore di intromettersi all’interno della propria vita amorosa e di manipolare, con la sua volontà, scelte che dovrebbero dipendere solo da te ed il tuo partner.

Sempre citando la Bibbia: “Perciò L’Uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne. Talché non son più due ma uno solo” (Matteo 19:5-6).

Detta in parole povere: nel momento in cui due persone si amano, soprattutto se arrivano a sposarsi, allora è necessario che si stacchino dalla famiglia per poter vivere il loro amore e la loro unione.

Prima del matrimonio è necessario che esista un distacco emotivo, che si traduce nella capacità di prendere le proprie decisioni d’amore autonomamente senza dare peso ai tentativi di intromissione dei genitori.

Dopo il matrimonio invece è necessario un vero e proprio distacco fisico in cui i due sposi lasciano la casa dei genitori per andare a vivere insieme e costruire la loro famiglia.

Questo può, ovviamente, essere tradotto in termini scientifici facendoci aiutare dalla psicologia, specificatamente andando ad analizzare le diverse fasi di crescita di una persona.

Inizialmente la famiglia da cui siamo originati è molto importante mentre quando si arriva ad età adolescenziale comincia a scendere in secondo piano a favore del proprio gruppo di appartenenza, fino a diventare ancora meno importante (meno importante non significa “per niente importante” bada bene) in età adulta dove invece comincia ad avere importanza la creazione di un proprio nucleo familiare.

Come al solito che sia bibbia o che sia scienza il risultato non cambia, al massimo cambiano i tempi: infatti la parola di Dio affermava questo concetto con anni di anticipo rispetto alla scienza.

Chiaro il concetto?

Sii attento, non darti al primo o alla prima che capita, non farti prendere in giro dalle tue stesse emozioni (come ti ho spiegato nell’articolo in cui ho parlato di cosa sia veramente l’amore) e fai le tue scelte basandoti sia sul cuore che sulla testa.

Una volta fatto questo resta sicuro delle scelte fatte e non permettere a nessuno di intromettersi.

Un abbraccio,

Luca Leonardi

Lascia un Pensiero