Una delle domande più comuni che mi vengono fatte da chi mi scrive in privato è “Come posso fare a riconquistare il/la mio/mia ex?“.

Cominciamo con il dire che la riconquista è un qualcosa che mai e poi mai dovrebbe passarti per la testa se tieni a te stesso e che, nonostante la convinzione che sia per amore che crei nella tua testa, la realtà è che il desiderio stesso di riconquistare una persona con cui è già finita è dovuto solo ed esclusivamente al tuo ego.

Il mio consiglio è sempre lo stesso: lascia perdere, vai avanti, trova qualcun altro.

Ma questo, ovviamente, non basta mai perché quando una persona entra nel giro ossessivo della riconquista non sente mai ragioni: vuole quello e quello soltanto (cosa che dovrebbe far capire molto bene come tale desiderio sia puramente ossessivo ed egoistico.. ma tralasciamo).

Negare questo desiderio, sfortunatamente, porta le persone ad ossessionarsi ancora di più e, nella maggior parte dei casi, le conseguenze sono estremamente dannose per la vita dei singoli individui quindi… alla fine la cosa migliore da fare è accettare questa ossessione ed il fatto che solo soddisfandola diventa poi possibile “andare avanti e fornire di conseguenza le indicazioni necessarie alla riconquista.

In questo articolo quindi parliamo proprio di questo: come riconquistare l’ex.

E no, non esiste un metodo che possa mai darti il 100% di possibilità di riuscirci: non esiste su amore oggi e non esiste neanche quando altre persone ti dicono che esiste, magari vendendoti tale metodo per qualche centinaio di euro! Quello che si può fare è aumentare al massimo le tue possibilità di riuscirci.

Andiamo quindi ad aumentarle.

Pronto?

3… 2… 1… via!

 

COME MAI LE RELAZIONI FINISCONO?

Dando per scontato che il desiderio di riconquista nasce praticamente sempre solo in chi viene lasciato e non in chi lascia una relazione può finire per diversi motivi:

  • Non c’è mai stato davvero amore: in questo caso non puoi farci assolutamente niente.
  • Inizialmente hai mentito su chi sei veramente: per conquistare qualcuno molti di noi tendono a nascondere i lati negativi ed a fingere passioni ed interessi che non possiedono veramente. Quando poi la recita finisce per forza di cose… la relazione si sfalda.
  • Litigi e discussioni hanno reso tossica la relazione.
  • Hai annullato te stesso e la tua vita a favore del tuo partner: così facendo, hai perso valore ai suoi occhi.

 

LA MAGGIOR PARTE DELLE RELAZIONI SONO COME UNA TRATTATIVA AZIENDALE

Partiamo dal presupposto che se all’interno di una relazione c’è davvero amore tale relazione non finisce, mai, punto. Con questo dato di fatto ben saldo nella mente possiamo quindi scindere le relazioni in due tipi:

  • relazioni basate sull’amore: che nascono e si formano naturalmente, quasi senza impegno. Questo è il tipo di relazione che miro a farti avere se segui i consigli di amore oggi.
  • relazioni basate sul desiderio: che sia sessuale o di conquista poco importa, fatto sta che queste relazioni per nascere richiedono un certo impegno nella conquista e, “conquista” significa riuscire a piacere alla persona con cui vogliamo instaurare la relazione. Poco importa se lo sforzo sia stato tuo o della controparte.

La riconquista dell’ex si rende necessaria solo nella seconda tipologia di relazione.

Se andiamo ad analizzare con lucidità questo tipo di rapporto, scopriremo che ci sono tantissime similitudini con una trattativa aziendale finalizzata alla firma di un accordo.

  • ci sono due parti ed una decide che vuole qualcosa dall’altra, esattamente come quando vedi per strada qualcuno che ti piace e cominci a desiderarlo.
  • chi vuole qualcosa fa di tutto per aumentare il proprio potere contrattuale così che la controparte percepisca un alto valore nell’affare che gli viene proposto, esattamente come quando fai di tutto per impressionare ed apparire bene alla persona che vuoi conquistare.
  • se il tuo potere contrattuale (termine ben noto agli studenti di economia) sale abbastanza la controparte deciderà che è “vantaggioso” instaurare un rapporto con te, esattamente come una persona deciderà di frequentarti a seguito del tuo impegno nella conquista.

Tornando alle motivazioni per cui una relazione finisce dovrebbe essere chiaro che:

  • mentire per impressionare = aumentare il proprio potere contrattuale. Quando poi esce fuori la tua vera personalità il tuo valore contrattuale crolla a zero e la relazione finisce in quanto non più “vantaggiosa“.
  • A seguito di litigi e discussioni il tuo valore come persona agli occhi del partner crolla vertiginosamente e la relazione finisce.
  • Se hai annullato te stesso per il partner e/o la relazione allora il tuo potere contrattuale è, ancora una volta, pari a zero e la relazione finisce.

Se vuoi aumentare le tue possibilità di riconquistare l’ex quindi, devi trovare il modo di aumentare nuovamente il tuo potere contrattuale e, che tu ci creda o no, per quanto a tutti noi fa piacere pensare che la nostra situazione sia unica ed irripetibile i passi della riconquista possono essere schematizzati in uno schema universale utile in TUTTE le situazioni a prescindere da quanto credi siano diverse.

 

COME RICONQUISTARE L’EX

COSA NON FARE MAI

E’ importante capire che è impossibile convincere un’altra persona che vali in maniera razionale (sopratutto se a seguito della relazione oramai finita quella non ti da alcun valore, anche se in molti casi mentirà dicendoti che invece ne hai) quindi togliti dalla testa il desiderio di tempestarla di messaggi o cercare di parlarle per spiegare a parole quanto sei cambiato e come mai dovrebbe tornare insieme a te.

Alla fine di una relazione esistono quasi sempre un sacco di sensazioni negative associate anche solo all’immagine di te che gli si crea in testa: tentare di obbligare la tua presenza nella sua vita quindi non solo non è d’aiuto ma, anzi, nella maggior parte dei casi peggiorerà le cose in quanto andrà ad amplificare le sensazioni negative che vuoi scompaiano, tagliandoti le gambe.

Se poi sei una donna… non andare mai, e ripeto MAI, a letto con un uomo per riconquistarlo.

Se dovessi andarci a letto che sia dopo che la relazione è già stata ricostruita ed è giù passato un po di tempo.

COSA FARE

Passo uno – non cercare il contatto:

Dai tempo al tempo. E’ necessario che il tempo faccia diminuire buona parte delle sensazioni e delle emozioni negative che il tuo ex nutre nei tuoi confronti.

Mi pare che a Confucio siano riconducibili le parole: “se ti siedi sulla sponda del fiume ed aspetti prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo nemico“, ed alla stessa maniera se non fai niente piano piano le emozioni negative nei tuoi confronti diminuiranno e sarà più facile ristabilire un contatto.

Passo due – vivi:

Sembra scontato, vero? Ma la realtà è che quando si vuole riconquistare qualcuno la cosa più importante in assoluto è vivere per se stessi.

Se rifletti su quello che hai letto fino ad ora il motivo principale per cui è finita è che il tuo potere contrattuale, il tuo valore come persona, è crollato miseramente.

L’unico modo che hai per rialzarlo è ritrovarti come persona: uscire, divertirti, seguire le tue passioni, frequentare gli amici e, perché no, anche altre persone.

Così facendo riuscirai piano piano ad aumentare il tuo valore come persona agli occhi un po di tutti, aumentando le tue possibilità di risultare nuovamente piacente anche agli occhi di chi ti ha scaricato.

In alternativa puoi passare le tue giornate a rimuginare piani su piani piangendoti addosso o magari arrabbiandoti per come sono andate le cose e, non appena l’altro ti vedrà, gli farai ancora più schifo di quanto tu non gli faccia adesso perché risulterai essere una persona debole, priva di valori ed assolutamente inutile, inadatta ad una relazione.

E’ estremamente importante oltretutto che tutte le attività che farai ti rendano genuinamente felice: le recite difficilmente durano a lungo e se la tua vita non ti appassiona veramente… non ti servirà a nulla.

Passo tre – trova vie traverse per fargli vedere la tua vita:

Il tuo ex deve ritrovarsi come davanti ad una finestra dalla quale può vedere quello che fai ma che gli impedisce di farlo insieme a te.

Che siano fotografie e storie sui social network, che siano amici in comune che gli raccontano quello che fai poco importa.

L’importante è che in un modo o nell’altro abbia la possibilità di vederti… ma senza poterti toccare.

Passo quattro – ricontatto leggero:

Sia chiaro che deve passare del tempo.. se la relazione è finita male potrebbero dover passare anche 6 o più mesi. Altrimenti direi almeno un minimo di 3.

Il ricontatto deve essere leggero ed assolutamente senza riferimenti alla passata relazione.

Anche solo un semplice: “ehi, oggi mi è successa questa cosa qui e per qualche strano motivo mi sei venuto in mente, spero ti vada tutto bene, ciao!” va benissimo.

Niente domande sul “come stai“, niente di niente. Solo un ricontatto leggero senza alcuna pretesa.

Se la controparte non risponde o risponde “fredda“, allora fine ricontatti e tornare ai punti 2 e 3 per qualche giorno.

Se invece la controparte risponde in maniera cordiale non fiondarti subito in lunghe conversazioni: ricorda che hai la tua vita da vivere quindi prenditi il tuo tempo per rispondere spalmando la conversazione anche in giorni diversi.

Passo cinque – ricontatto pesante:

Se la conversazione sta andando abbastanza bene e dall’altra parte senti tranquillità e piacere di chiacchierare allora puoi passare ad un ricontatto un po più pesante e, per più pesante, intendo conversazioni telefoniche e non di più (a meno che un incontro non venga proposto dalla controparte).

Le vostre conversazioni devono continuare ad essere leggere e, possibilmente con qualche risata: niente riferimenti alla vostra relazione passata, niente emozioni negative. Raccontatevi cosa state combinando e le esperienze divertenti della vostra vita, fagli sentire con mano che sei felice anche senza di lui.

Una piccola “malizia” che può facilitare di molto le cose è la capacità di interrompere la conversazione in un punto “alto“, lasciandolo un po interdetto.

Faccio un esempio: magari state parlando da un paio di minuti e la conversazione è piacevole. Fai una battuta, lui (lei) ride… quello è il momento perfetto per troncare di netto la conversazione con un “senti ora devo andare, mi faccio sentire appena posso” e chiudere.

In questo modo la controparte resta “insoddisfatta” in quanto le emozioni positive che provava vengono bruscamente interrotte ed aumenterà la voglia di provarle nuovamente.

Passo sei – sparizione:

Sta andando tutto bene? vi state divertendo a chiacchierare? magari è li che ti cerca a volte?

E’ il momento di sparire. Totalmente. Niente messaggi, niente telefonate, niente foto sui social, niente di niente.

Per lui devi diventare una specie di fantasma in modo che sia forzato a chiedersi che fine hai fatto.

Se durante questa sparizione comincia a cercarti con un minimo d’insistenza allora vuol dire che è arrivato il momento di organizzare un’uscita e magari provare a ricostruire un rapporto.

Se non ti cerca.. allora dovrai ricominciare tutto da capo a partire dal punto due.

 

CONCLUSIONI

Innanzitutto lasciami ripetere quello che ho detto all’inizio: se la relazione è finita c’è un motivo, volerla ricostruire è puro orgoglio e la cosa migliore che tu possa fare è lasciar perdere e concentrarti sul vivere la tua vita per te stesso, magari trovando qualcuno di meglio con cui non debba finire.

Se invece proprio non riesci a liberarti dalla tua ossessione per la riconquista allora segui questa scaletta minuziosamente: per quanto tu possa pensare che la tua situazione sia diversa dalle altre… la scaletta non cambia in quanto si basa sulle emozioni che portano alla rottura e che sono praticamente sempre identiche (a parte nei casi in cui l’altro non ti amava o non provava davvero niente per te fin dall’inizio).

Se ti fai problemi sulle tempistiche invece… sappi che non ci sono tempistiche “precise”… ma per aiutarti posso dirti che generalmente ci vogliono dai 3 ai 6 mesi prima di poter riprovare un ricontatto leggero.

Il ricontatto leggero dovrebbe durare da 2 a 4 settimane.

Il ricontatto pesante dovrebbe durare non più di 1 settimana.

La sparizione dovrebbe durare almeno 2 settimane.

Devi anche tenere in considerazione che starai attuando dei comportamenti che si, fanno parte in pieno dei comportamenti manipolatori.

Il mio augurio sinceramente è che “gli effetti collaterali” di questa scaletta si facciano sentire ben prima dell’avvenuta riconquista e che, vivendo la tua vita, tu capisca quando inutile sia questo desiderio e quanto bene tu possa stare o da solo o con qualcun altro.

Un abbraccio,

Luca Leonardi

Lascia un Pensiero