Tra tutte le problematiche che mi vengono presentate da chi mi scrive in privato chiedendo qualche consiglio sulla sua vita sentimentale ce n’è una che accomuna almeno l’80% delle persone ovvero: “non ho nessuna possibilità di conoscere gente“.

Alchè la domanda diventa: “come passi le tue giornate?

Generalmente la risposta è qualcosa tipo: “mi sveglio, vado a lavoro/scuola, poi torno a casa, sto a casa, mangio, guardo un film, torno a letto, ricomincio“.

Come può una persona che vive in questo modo conoscere nuove persone?

E’ proprio di questo che parlo in questo articolo.

Pronto?

3… 2… 1… via! 😀

 

LA VITA OFFRE SEMPRE DELLE POSSIBILITA’

La cosa più importante da capire è che non è vero che non esistono possibilità di conoscere nuove persone ma che siamo noi che non sfruttiamo le possibilità che abbiamo e, restando ciechi, pensiamo che non esistano.

Anche in una situazione come quella sopra descritta ci sono comunque delle possibilità, magari non esaltanti o “facili da cogliere” ma esistono.

Andiamo quindi a fare una piccola lista di queste possibilità per poi entrare più nello specifico di come fare a sfruttarle.

  • Il percorso tra casa e lavoro/scuola e viceversa
  • Shopping/spesa.
  • Sul posto di lavoro.
  • Dove andiamo per svagarci.
  • internet.

 

CONOSCERE GENTE ANDANDO/TORNANDO DA LAVORO

A parte chi lavora da casa tutti quanti noi dobbiamo dirigerci al posto di lavoro e poi, una volta finito, tornare a casa.

Questo significa che ogni persona che segue questo percorso lo sta facendo insieme a tantissime altre e, quindi, niente gli impedisce di conoscere qualcuno proprio lungo il tragitto!

Certo: magari farlo durante il percorso iniziale, quello che ci porta verso il posto di lavoro (o la scuola) non è una grande idea se non vogliamo arrivare in ritardo… ma la sera quando il percorso da fare è l’esatto contrario e non abbiamo alcuna fretta?

Per strada, a meno di catastrofi mondiali che bloccano tutti quanti in una sorta di quarantena, c’è sempre qualcuno, così come c’è sempre qualcuno nei bar.

Potresti decidere di tornare a casa a piedi ed incroceresti tantissime altre persone con cui potresti decidere di parlare o potresti volerti fermare a prendere una cosa da bere in un bar e ritrovarti ad essere circondato da tanta altra gente.

Queste sono situazioni in cui tutti quanti noi ci ritroviamo quasi quotidianamente e che non sfruttiamo perché…. beh, perché abbiamo paura, pensiamo di essere inopportuni, magari perché ci hanno insegnato che “non è il momento giusto”: tutti quanti blocchi mentali personali che ci impediscono di conoscere nuove persone e che ci portano a rendere noi stessi ciechi alle possibilità che la vita ci offre.

Potresti invece dirmi: “io abito lontano da lavoro e quindi il percorso lo faccio in macchina… mentre sono in macchina non ho alcuna possibilità di conoscere gente!“.

Verissimo, ti rispondo io, ma niente ti vieta, invece di cercare un parcheggio a 2 centimetri dal portone d’ingresso, di cercare un parcheggio che ti obblighi a fare almeno 500 metri a piedi per arrivare a destinazione per ritrovarti, così, nella stessa identica situazione di tutti gli altri.

 

CONOSCERE GENTE FACENDO SHOPPING/SPESA

Perché non possiamo conoscere qualcuno mentre siamo fuori a comprare qualcosa?

Ci sono tanti clienti che, come noi, stanno cercando qualcosa da acquistare, ci sono tanti commessi e commesse pronti a parlarci per aiutarci, i cassieri… Quindi perché no?

La risposta è sempre la stessa: paura. Paura che non sia il momento giusto, paura di essere inopportuni.

Certo: può essere complicato fare conoscenza con qualcuno che sta lavorando perché sarà il nostro interlocutore che, per paura di essere ripreso dal proprio responsabile, non ci darà così tanta attenzione ma… c’è forse qualche legge che dice che una persona va conosciuta interamente in un colpo solo?

La maggior parte di noi segue una routine molto ben strutturata e si rifornisce sempre negli stessi posti: sempre gli stessi supermercati, sempre gli stessi negozi… e questo significa che nella maggior parte dei casi si ritrova davanti gli stessi identici lavoratori.

Potresti dirmi che tu non esci per rifornirti di qualsiasi cosa tu abbia bisogno, tu sfrutti le consegne a domicilio!

Perfetto! Questo significa che verranno a suonarti a casa i fattorini o la fattorina, il postino o la postina… e così via.

Cosa ci impedisce quindi (paura a parte) di scambiare una battuta e farsi una risata insieme una volta, poi un’altra in un momento diverso, poi un’altra ancora in un ulteriore momento diverso… fino ad arrivare a chiedere io nome, stringersi la mano ed avere una nuova conoscenza all’interno della nostra vita?

La risposta è “assolutamente niente se non noi stessi“… e questo dovrebbe bastare a far capire come le possibilità siano li, presenti, a disposizione… ma siamo noi che per l’ennesima volta rifiutiamo di vederle e sfruttarle.

 

CONOSCERE PERSONE SUL POSTO DI LAVORO

Ok, per chi lavora da casa o chiuso in un ufficio lontano dal pubblico il posto di lavoro non è l’ambiente ideale ma per tutti gli altri?

Per tutti gli altri vige la stessa cosa che ho detto parlando della possibilità di conoscere persone quando stiamo facendo shopping: niente ci impedisce di parlare brevemente con i clienti, scherzando e facendo un minimo di amicizia mentre li aiutiamo con la loro spesa e poi, nel tempo, approfondire suddetta conoscenza anche al di fuori del contesto lavorativo.

Sono tantissime le persone a lavoro che pensano: “che carina/o quella/quel cliente! peccato che non posso conoscerla/o perché sto lavorando!“.. ed alla stessa maniera sono tantissimi i clienti che pensano la stessa identica cosa riguardo al personale che la sta servendo quindi… qual’è il problema?

Esattamente come chi si rifornisce dagli stessi negozi si ritrova davanti lo stesso personale… il personale si ritrova davanti gli stessi clienti quindi il tempo per fare le dovute conoscenze c’è ed anzi… c’è addirittura il vantaggio, nel caso di un cliente che voglia conoscere un lavoratore, che il lavoratore stesso non può andarsene e spesso è quasi obbligato ad ascoltarlo.

Ricordo un ragazzo che lavorava nella biglietteria di una stazione dei treni e si lamentava di non poter conoscere nessuno perché gli orari erano proibitivi a cui ho chiesto semplicemente:

“Clienti abituali ce ne stanno?”

“Avoglia!”

“Persona della tua età ce ne stanno?”

“Certo!”

“E quindi perché non ci parli?”

Silenzio… imbarazzo… confusione…

 

CONOSCERE PERSONE IN QUALSIASI POSTO SIA CHE USIAMO PER SVAGARCI

Ti piace andare a rilassarti in riva al mare? Beh… piace anche a tantissima altra gente che sarà intorno a te quando ci vai.

Lo stesso vale per le passeggiate in montagna, per la palestra, per il corso di ballo, di pianoforte o qualsiasi altra cosa.

Il vantaggio di attaccare bottone con queste persone è, oltretutto, che avete già qualcosa in comune e quindi chiacchierare è molto più facile che non con un completo sconosciuto incontrato per strada.

Oltretutto, nel caso in cui tu sia una di quelle persone che tornano subito a casa, mangiano e si mettono davanti alla televisione e poi si lamentano di non avere possibilità… perché invece non vai a mangiare fuori in qualche posto tranquillo? O ancora meglio… perché non ti prepari da mangiare a casa e vai a mangiartelo in qualche posto tranquillo?

Ti rilassi, stai bene con te stesso.. e vedrai anche che c’è altra gente in giro con cui potresti decidere di parlare.

 

CONOSCERE PERSONE SU INTERNET

Internet è una grande fetta della vita di tutti noi oramai da anni ed i Social Media sono oramai uno dei principali mezzi mondiali di socializzazione.

Certo: è anche un posto molto rischioso per conoscere persone e non tanto perché chi sta su internet è “cattivo” quanto che è molto più facile per chi è cattivo trovarci e quindi è necessario prendere delle precauzioni.

La prima precauzione che posso consigliare per evitare di attrarre le persone sbagliate è di smetterla di postare foto “attraenti: questo tipo di fotografia attrae per lo più persone superficiali con cui è meglio non avere niente a che fare!

Ma quindi che cosa postare? Semplice! Qualsiasi cosa ti descriva come persona e non come pezzo di carne messo in mostra.

Ti piace andare al mare? posta foto al mare.. ti piace la montagna? Bene la montagna… ti piacciono i videogiochi? Posta cosa che riguardano i videogiochi… e sarai sicuro che per buona parte le persone interessate a parlare con te saranno quelle con cui hai qualcosa in comune.

Se devi scegliere di contattare qualcuno accertati che ve ne sia motivo: contattare una donna che ha una foto del seno in mostra solo perché hai visto quella foto non ti porta da nessuna parte e, se invece sei una donna, contattare l’uomo che ha la foto a petto nudo mentre abbraccia un cucciolo o un bambino può addirittura essere pericoloso perché è probabilmente un manipolatore narcisista.

Cerca punti in comune tra voi che vadano ben oltre la semplice attrattiva fisica! Dopotutto uno dei vantaggi dei social è proprio il poter strutturare un rapporto in base alla compatibilità caratteriale più che fisica e, per poter sperare in relazioni sentimentali durature future, questa è la strada migliore da seguire.

Iscriviti poi a gruppi che trattano argomenti che ti interessano! Commenta il lavoro degli altri, mostra il tuo… ed amplia il cerchio delle tue conoscenze in questo modo.

 

BONUS: L’ERRORE CHE FANNO TUTTI QUELLI CHE SI LAMENTANO

Voglio parlarti ora di un errore che fanno TUTTI e ripeto TUTTI quelli che si lamentano perché non hanno possibilità di conoscere un esponente del sesso opposto ed è: “evitare di far conoscenza con persone del proprio stesso genere“.

Sei un uomo? Non vuoi stare da solo? Allora al 99% stai facendo l’errore di pensare che devi conoscere solo Donne.

Sei una donna? Stai cercando un uomo? Allora al 99% stai facendo l’errore di pensare che devi conoscere solo Uomini.

Levati dalla testa di dover conoscere persone “per rimorchiarle“!

Il tuo obiettivo dovrebbe essere solo di conoscere persone con cui ti trovi bene, uomini o donne che siano.. tutto il resto arriva di conseguenza.

Se parli con una donna per rimorchiarla le possibilità che vada male sono altissime. Se parli con una donna per conoscerla e scopri che avete cose in comune… allora invece le possibilità che diventiate amici o che sia lei ad interessarsi a te diventano improvvisamente molto alte e, ovviamente, lo stesso vale anche per una Donna (anche se per una donna andare a conoscere un uomo è molto più “pericoloso” perché quello si farà sicuramente fantasie immediate sulla sua disponibilità sessuale).

Questo semplice cambiamento di mentalità fa una differenza ENORME nei risultati delle tue interazioni.

Ed a parte questo… perché tu Uomo non dovresti fare conoscenza con un altro Uomo? E perché tu Donna non dovresti far conoscenza con un’altra Donna?

Innanzitutto potresti scoprirti ad avere un ottimo buon amico/a in più… ed in secondo luogo… forse che gli altri non hanno amici ed amiche che potrebbero presentarti?

Pensa… magari fino ad ora hai sempre evitato di fare conoscenza con persone del tuo stesso sesso mentre se lo avessi fatto avrebbe potuto succedere che:

  • hai fatto amicizia con qualcuno del tuo stesso sesso
  • siete diventati molto amici
  • ti ha invitato/a ad uscire con lui/lei ed il suo gruppo di amici
  • all’interno del suo gruppo di amici hai trovato qualcuno che ti piace e con cui vai d’accordo
  • il semplice fatto che sia stato un amico a presentarvi significa che la vostra relazione è quasi assicurata, al contrario che se l’avessi conosciuto dal nulla per strada

Così… tanto per farti un esempio di UNA delle TANTISSIME cose che potrebbero succederti eliminando dalla tua mente questo stupidissimo blocco.

 

CONCLUSIONI

Se sei arrivato a leggere fino a qui spero che ti sia chiaro che, se mai hai pensato di “non avere possibilità di conoscere qualcuno” ti sei sempre detto una bugia bella e buona.

La vita offre sempre delle possibilità… il motivo per cui siamo convinti che non vi siano è perché siamo ciechi e stupidi… e ci rifiutiamo sia di vederle che di sfruttarle.

Per poi cosa? Per paura? Perché potremmo essere rifiutati? Perché potremmo essere inopportuni?

Allora restiamo da soli… ma non lamentiamoci di esserlo.

Dopotutto è una nostra specifica scelta.

Un abbraccio,

Luca Leonardi

Lascia un Pensiero