L’Uomo deve saper corteggiare

Quanto vorrei un uomo capace di corteggiarmi

Se vuoi conquistare una donna devi corteggiarla

Queste tre stronz… ehm, frasi sono idee comuni al giorno d’oggi ma sono davvero “buone” per la tua vita sentimentale?

In questo articolo ti spiegherò come mai non si dovrebbe mai e poi mai ne corteggiare ne desiderare di essere corteggiate prima che cominci una relazione e come mai farlo… significa infilarsi in una relazione fallimentare un buon 99% delle volte.

Altro scoprirai che la volontà di corteggiare e di essere corteggiata non ha niente a che fare con l’amore.

Pronti?

3… 2… 1… via! 😀

VOGLIO ESSERE CORTEGGIATA – CHE COSA DENOTA QUESTA VOLONTA’?

Sono tantissime (troppe) le donne che desiderano essere corteggiate.

Il corteggiamento ti fa sentire importante per qualcuno, apprezzata, denota la presenza di una persona che tiene veramente a te.

…e contemporaneamente denota anche una forte carenza affettiva ed emotiva, una incapacità profonda di “bastare a te stessa” ed un “vuoto emotivo” che ti fa desiderare il riempimento per vie esterne.

Questo ha due conseguenze:

  • a causa di questo vuoto emotivo sarai quasi sempre una pessima compagna. Una sorta di "vampira emozionale" che si ritroverà a farsi due milioni di paranoie non appena arrivano momenti più difficili, arrivando anche a far terminare relazioni bellissimi per puri e semplici schizzi emotivi.
  • finirai sempre con uomini insicuri e/o egocentrici che danno più importanza a loro stessi che non al rapporto

COME SONO I MASCHI CHE PENSANO A CORTEGGIARE?

L’ultimo dei due punti sopraelencati è particolare e potrebbe far pensare: “come mai se voglio un Uomo che mi corteggi fin dall’inizio finirò con persone di questo tipo?

Semplice: un uomo che si rispetti vuole accanto una donna che vale e non si sognerà mai, e ripeto MAI, di corteggiare una donna che ancora non conosce e non abbia già dimostrato di poter essere una buona compagna.

Gli uomini che corteggiano le donne fin da subito hanno sempre, al 100%, uno di questi problemi:

  • Bassa autostima e sicurezza in se stessi che li portano a pensare di "non essere abbastanza" per una donna: da li il desiderio di conquista tramite corteggiamento ben prima della reciproca conoscenza.
  • Dei criteri di selezione superficiali basati sull'aspetto e su una blanda conoscenza, il che significa che corteggiano (anche se non se ne rendono conto) spinti da una pulsione sessuale più che da un reale desiderio di rapporto.
  • Infine, molti degli uomini che corteggiano fin da subito lo fanno perché hanno bisogno di "vincere" per appagare il proprio ego: la donna infatti viene vista come un premio da conquistare più che come una valida compagna di vita.

QUANDO CORTEGGIARE?

Insomma: si parla tanto di corteggiamento e della sua importanza ma si perde di vista quello che tale corteggiamento implica.

Vuoti emotivi.

Azioni false basate sul desiderio più che su una reale consapevolezza.

Egocentrismo.

Questo non significa che il corteggiamento è da “bandire” in quanto “male universale” delle relazioni e dell’amore… quanto che bisogna capire che corteggiare non è la prima cosa da fare.

La prima cosa è la consapevolezza personale che ci fa capire che tipo di compagna o compagno fa davvero per noi.

La seconda è la reciproca conoscenza approfondita nonché la condivisione di esperienze che ci permette di capire quando possiamo veramente stare con qualcuno.

Sai quand’è che il corteggiamento diventa importante?

Paradossalmente solo a relazione stabilita, quando due persone sono già una coppia.

Questo è esattamente il problema del mondo moderno: le “fasi” vengono eseguite al contrario.

IL PROBLEMA DELLA NOSTRA EPOCA

Viviamo in un'epoca all'interno della quale le persone soffrono di vuoti emotivi ed insicurezze. Desiderano corteggiare e conquistare... essere corteggiate e conquistate. Poi finiscono in relazioni basate sul nulla, all'interno delle quali non ci si corteggia più, ci si dà per scontato e, inevitabilmente, si finisce per lasciarsi perché la scelta era sbagliata fin dall'inizio 

Prima ci deve essere un percorso equo di scoperta personale e reciproca.

Poi ci deve essere una decisione valida e razionale di coppia.

Alla fine, quando la coppia è già formata, entra in ballo il corteggiamento reciproco (e specifichiamo… reciproco! il fatto che l’uomo corteggia e la donna no è solo un gravissimo errore uscito fuori per puro e semplice desiderio di sentirsi importanti e che porta al fallimento un sacco di coppie).

Questo permette ad una coppia di continuare ad esistere nel tempo.

Certo, un percorso vero e solido di scoperta personale e reciproca, seguita dalla conoscenza e la decisione di stare insieme è più facile a dirsi che a farsi ed è proprio per questo che esiste la Love Academy (al momento in fase di registrazione e test): per fornire un percorso specifico ed avanzato che possa aiutare chiunque a trovare la sua anima gemella.

Per l’argomento di oggi però è tutto.

Spero che ti sia stato utile 🙂

Un abbraccio,

Luca Leonardi

Lascia un Pensiero