Oggi parliamo di come l’attrazione spenga il cervello delle persone ma non solo.

Attraverso l’esperienza di Pierre sfateremo anche diversi “miti” che circondano il mondo delle relazioni: primo tra tutti quello che afferma che una Donna, per attrarre, debba puntare sul suo aspetto.

Sarà una storia estremamente interessante e piena di spunti di riflessione sia per gli Uomini che per le Donne.

Pronti?

3… 2… 1… via! 😀

LA SITUAZIONE DI PIERRE

“E’ una situazione paradossale. In pratica sono conteso da 2 donne xD”

Questo è il messaggio che mi aveva mandato Pierre, un vecchio studente ed amico.

Come ti ho già raccontato nell’articolo “Come Fallire [QUASI] Ogni Appuntamento” per arrivare a questo messaggio era stato necessario un percorso di ragionamento e crescita durato diversi mesi.

Quello di cui ti parlo oggi però non è il percorso passato, ma quello che è successo dopo.

Sono sicuro che sarà una storia estremamente interessante a prescindere che tu sia un Uomo o una Donna.

IL PRIMO INCONTRO

Non ho investigato sul modo in cui si erano conosciuti, tutto quello che so è che Pierre e la prima delle due ragazze si erano ritrovati a chiacchierare intorno al tavolo di un locale, probabilmente davanti ad un caffè.

Le stava raccontando qualcosa di se e, come da insegnamenti, si concentrava sul conoscerla meglio.

Era rimasto molto colpito dal fatto che lei non si era chiusa emotivamente ed anzi, gli aveva raccontato senza problemi o timore alcuno buona parte della sua vita e dei suoi problemi.

Questo, come dovresti già sapere, aveva cominciato ad alzare il livello d’attrazione.

Nel mio articolo Come [NON] Conquistare una Ragazza” (puoi leggerlo cliccando sul titolo stesso), spiego che: ”

Lo stesso capita quando ci troviamo ad avere a che fare con una Donna che ci dà corda: è disponibile alla conversazione, è gentile, è simpatica e si apre emotivamente a noi.

Il nostro cervello recepisce questa disponibilità come “possibilità riproduttiva” e ci porta a spingerci sempre più in la nel tentativo di giungere ad un risultato."

Questa ragazza però, molto presto doveva trasferirsi e così… pensò bene di presentare Pierre ad una sua grande amica.

Si… diciamo che il livello di furbizia non è stato ai massimi vertici…

La prima ragazza era interessata… la seconda ragazza era interessata…

Ma visto il problema “trasferimento” e “distanza”.. la prima ha deciso di farsi da parte e spingere per una frequentazione tra Lui e l’amica.

“Ma quindi… nessun problema!” starai pensando.

Sfortunatamente no, perché è qui che entra in ballo la bastardaggine dell’attrazione.

L’ATTRAZIONE CHE TI FOTTE

“Sono entrambe molto belle, l’amica è sicuramente molto più gnocca (lungi da me censurare le parole che mi sono state dette) ma la prima mi prende molto di più. Il modo in cui si è raccontata a me durante quel primo appuntamento proprio non riesco a scordarmelo.”

Qualche Donna dietro al monitor?

Ti conviene tenere bene a mente come una forte apertura emotiva ha alzato il livello di attrazione in maniera superiore alla bellezza fisica 🙂

La ragazza che lo aveva colpito per prima aveva ovviamente continuato a scrivergli ma… lanciando segnali contrastanti tra loro.

“Ma io ti vorrei – ma siamo lontani e non si può – però ti vorrei – però non si può…”

Qualcuno potrebbe chiamarlo Tira e Molla… noi usiamo il termine scientifico invece, che dici? Breadcrumbing.

(Per una breve spiegazione del Breadcrumbing puoi leggere l’articolo “Quella Subdola Maledetta Attrazione.)

La seconda invece, senza mai esprimere un solo dubbio aveva sempre continuato ad invitarlo, a dimostrargli interesse ed a fargli capire che la sua presenza era realmente importante.

Ma l’attrazione non era per niente d’accordo nel lasciar andare le cose come dovevano.

La prima impressione era stata forte, il comportamento incostante atto a creare speranza, avevano fatto il resto.

“Cioè l’amica è davvero immensamente più gnocca te lo giuro Lu… però lei… mi ha preso troppo la prima volta. Ma mi fa innervosire. Può essere che ci gira sempre intorno? Mi vuole, poi non mi vuole, poi mi vuole di nuovo… La mia Donna ideale dovrebbe sapere quello che vuole e muoversi per ottenerlo…”

Ti rendi conto?

Si lamentava perché la ragazza che lo attraeva non aveva una caratteristica caratteriale per lui fondamentale… completamente cieco al fatto che quella che si stava lasciando scappare invece era esattamente come lui desiderava!

VIA L’ATTRAZIONE, VIA LA CONFUSIONE

Credo che a questo punto la cosa migliore che io possa fare è lasciare la parola a me ed a Pierre, con qualche messaggio vocale che ci siamo scambiati Parlando della situazione.

Quindi…. come va a finire la storia di Pierre?

Sinceramente non ne ho idea, Pierre è ancora vivo, la ragazza è ancora viva e quindi la loro vita è aperta a molteplici possibilità.

Quello che è sicuro è che questa storia dovrebbe aver aiutato molte persone a chiarirsi le idee su alcuni concetti molto importanti.

Se sei un Uomo magari hai capito un po meglio come l’attrazione ti tagli spesso e volentieri le gambe.

Se sei una Donna forse hai capito che la bellezza non è sempre la cosa più importante su cui contare per attrarre un Uomo.

Ma sopratutto: questa storia mostra l’applicazione di molti dei concetti che ti ho spiegato su Amore Oggi nella vita reale nonché le loro conseguenze.

Tu che conclusioni hai tratto dalla storia di Pierre?

Se vorrai condividerla con me nei commenti sarà davvero felice di leggerla 🙂

Un abbraccio,

Luca Leonardi

Lascia un Pensiero