In questo articolo parliamo di tutti i comportamenti che, all’inizio o durante una conoscenza, dovrebbero farti decidere di scappare ma che, sfortunatamente, spesso e volentieri causano dipendenza e ti intrappolano in situazioni tossiche che appaiono senza via d’uscita.

Ovviamente tutto quello che verrà detto in questo articolo è valido sia al maschile che al femminile.

Pronto?

3… 2… 1… via! 😀

 

1 – MI SONO LASCIATO DA POCO

Se una delle prime cose che fa è dirti che si è lasciato da poco, sopratutto se dopo una relazione durata più di sei mesi, il tuo campanello d’allarme interno dovrebbe cominciare a suonare quasi istantaneamente.

Per quale motivo infatti una persona dovrebbe cominciare una conoscenza specificando questo dettaglio?

Può sembrare onestà così come può far percepire una sorta di sensibilità e tristezza che per molte persone sono estremamente intriganti: ci portano a provare pietà o, in alternativa a pensare che siamo proprio noi quelli che potrebbero fargli superare questo momento triste.

La realtà però è diversa!

Gli unici motivi per cui una persona può cominciare una conoscenza in questo modo infatti non è per onestà e non è per mostrare la sua sensibilità ma semplicemente perché la sua testa ed il suo cuore non sono “liberi” e, quindi, non è in grado di intraprendere alcuna relazione.

Certo: farà di tutto per farsi piacere e per cominciare una frequentazione ma questo desiderio è dovuto solo ad un bisogno personale di accrescere la propria autostima dimostrando di essere ancora piacente.

Puoi scommettere quello che vuoi che presto comincerà ad avere dubbi, comincerà a tirare fuori frasi tipo “non so cosa voglio e, sopratutto, che nel momento in cui il suo precedente partner si farà nuovamente vivo, fosse anche solo per caso, tu comincerai a non contare più niente.

L’immagine dell’EX infatti, viene evocato all’inizio di una conoscenza come una sorta di “cuscinetto di sicurezza.

Nel momento in cui è stato detto che si è usciti da poco da una relazione infatti, qualsiasi comportamento diventa giustificabile.

Non sono sicuro di cosa voglio? Giustificabile… dopotutto ho finito da poco una relazione.

Non ti do alcuna certezza? Giustificabile… dopotutto ho finito da poco una relazione.

Ho bisogno di tempo per riflettere? Giustificabile… dopotutto ho finito da poco una relazione.

Insomma: se ti dice che si è lasciato da poco… rispondi con un “capisco, allora meglio non andare avanti” e taglia ogni rapporto.

 

2-TI SOMMERGE DI ATTENZIONI

Tutti noi vorremmo qualcuno che ci sommerge di attenzioni, giusto? Il problema è che questo comportamento può, in realtà, nascondere problematiche molto importanti.

Non è un caso infatti che una delle tecniche manipolatorie per eccellenza si chiama “Love Bombing” e consiste, per l’appunto, nel sommergere la propria vittima di attenzioni.

Per quanto le attenzioni ricevute ci facciano sentire apprezzati e provochino in noi una sensazione di forte benessere, la realtà dei fatti è che non esiste al mondo una sola persona emotivamente matura disposta a sommergere di attenzioni un’altra prima che il rapporto sia stato ben delineato e siano state esposte delle valide motivazioni per cui si viene a creare un reciproco interesse.

Le persone che donano attenzioni continue agli altri “senza validi motivi” generalmente lo fanno per due motivi:

1- le loro insicurezze interne li portano a pensare che senza tali attenzioni non sarebbero abbastanza per l’altro e quindi cercano di sopperire a questa mancanza percepita “recitando” la parte della persona dedicata.

2- hanno individuato in te una forte insicurezza e quindi ti regalano attenzioni su attenzioni come arma di seduzione in modo da poterti aggiungere come tacca sulla cintura dei trofei.

In entrambi i casi i risultati saranno quasi sempre disastrosi: nel primo caso arriverà il momento in cui la recita finirà e ti troverai a vivere una relazione assolutamente insoddisfacente, nel secondo caso invece ti troverai a vivere con un manipolatore che nella maggior parte dei casi non farà altro che giocare con te come con un pezzo di pongo sminuendoti e lasciandoti perennemente nel limbo.

Se una persona comincia improvvisamente a sommergerti di attenzioni senza che si sia già strutturato solidamente un rapporto di emozioni e progetti condivisi quindi… scappa!

 

3-INCOERENZA

Esistono tanti tipi di incoerenza: può esserci incoerenza tra parole ed azioni, tra parole e parole e tra azioni ed azioni.

Il termine incoerenza, di per se, sta a significare un comportamento in cui due o più elementi che dovrebbero dimostrare la stessa cosa sono, invece, in contrasto tra loro.

Un esempio di incoerenza tra parole ed azioni è una persona che a parole dice di amarti ma ad azioni ti risponde una volta ogni morte di papa quando gli scrivi.

Un esempio di incoerenza tra parole e parole è una persona che ti dice che “gli piaci tanto” ma poi aggiunge “però non sono sicuro di cosa voglio“. Le prime parole dimostrano interesse, le seconde dimostrano disinteresse.

Un esempio di incoerenza tra azioni ed azioni è una persona che prima ti abbraccia e poi ti spinge via.

Questo tipo di comportamento viene chiamato “Breadcrumbing” in psicologia ed è indicatore di forti disturbi di personalità.

Viene anche chiamato “Tira e Molla” ed è una delle tecniche manipolatorie per eccellenza, nonché uno dei principali mezzi con cui viene creata nelle vittime una personalità ossessiva che le porta a non riuscire più a togliersi d0alla testa il proprio carnefice.

Le persone problematiche sono ABILISSIME nel nascondere questo tipo di incoerenza ai tuoi occhi: faranno di tutto per tenerti legato al cappio, magari facendo anche finta di prendersene la colpa.

Un esempio comune sarà una persona che ti ripete in continuazione  che tu gli piaci, che prova davvero qualcosa di molto forte per te.. ma che lui è confuso, non sa cosa vuole.. e non è assolutamente colpa tua, è lui che ha qualcosa che non va.. eccetera eccetera.

Fai un favore a te stesso e sii tu ad eliminare la confusione mandandolo al diavolo.

 

4- SPARISCE

Se sparisce senza motivo apparente o, ancora peggio, sparisce quando metti a nudo una sua bugia o una sua debolezza, scappa immediatamente.

Questo tipo di atteggiamento si chiama “Ghosting” e segue generalmente il “Love Bombing” nella catena dei comportamenti manipolatori. Viene anche spesso utilizzato dai manipolatori seriali e da chi seduzione la studia, come meccanismo “educativo“.

Chi scompare per non affrontare situazioni o quando viene “smascherato” qualche suo comportamento negativo infatti lo fa per due motivi:

1-Non è caratterialmente forte e quindi scappa dalle responsabilità.

2-Essendo tu considerato come una preda o un sottoposto, non hai diritto di dire o fare niente che lui non voglia. Quando lo fai quindi, vieni punito con il silenzio.

Quando parliamo di seduzione questo comportamento manipolatorio è stato fatto diventare vera e propria “tecnica“, chiamata “freezing“. Viene insegnato che ogni qual volta la “vittima” fa qualcosa che non ci piace (e sia chiaro, non “qualcosa che non è giusta” ma “qualcosa che non ci piace”, è molto diverso), si deve ignorarla per tot tempo così che “capisca” che non si deve permettere.

Chiunque si comporti in questo modo o è totalmente immaturo e quindi inadatto ad una relazione o, ancora peggio, ha una personalità disturbata e manipolatoria, volontaria o involontaria che sia.

Sparisce? Bene.. sparisci a tua volta. Sarà tanto di guadagnato.. e quando si farà risentire evita pure di rispondere a prescindere da quanto cercherà di farti sentire in colpa per questo.

 

CONCLUSIONI

Questi comportamenti dovrebbero funzionare come veri e propri campanelli d’allarme e farci scappare ma, come ho detto all’inizio, spesso e volentieri ci attirano e ci intrappolano in situazioni tossiche dalle quali diventa difficilissimo uscire.

Spero che questa mia piccola lista, con le spiegazioni che l’accompagnano, ti siano utili per evitare di fare la fine della mosca nella ragnatela.

Nel caso in cui tu abbia avuto a che fare con persone che si comportavano in questo modo ti invito a lasciare nei commenti la tua storia: una cosa infatti è leggere delle parole in un articolo… un’altra è potersi confrontare con la realtà vissuta da altri! La tua storia potrebbe davvero salvare qualcuno.

Un abbraccio,

Luca Leonardi

Lascia un Pensiero